Un taccuino impermeabile da usare in barca, oggetto utile o ricordo di un passato che non tornerà?

L’abbiamo chiesto ai ragazzi di Zemini Sailing Boat, i quali da anni con la loro barca a vela fanno scoprire il mare a chiunque voglia vivere un esperienza indimenticabile per uno o più giorni:

“La tecnologia ha cambiato tanto la nautica in termini di spazio all’ interno delle barche, perché quella che prima era una carta nautica che occupava tutta la dinette ora è dentro un telefono e di conseguenza anche le varie agende cartacee sono andate un po’ a scomparire.” (Marco)

“Ci sono però delle cose per cui un taccuino tradizionale rimane ancora imbattibile per qualunque app digitale, se poi è impermeabile e resistente come Atlaua ancora meglio, anche perché possiamo appenderlo dove vogliamo grazie al moschettone, senza timore di perderlo in mare a causa di un onda improvvisa o una folata di vento.

Ci sono cose che devi scrivere a mano, per imprimerle meglio nella memoria e tenerne una traccia puntuale in ogni momento, da quelle più banali ma indispensabili come aggiornare le riserve di cibo della cambusa, a quelle più utili come segnare eventuali guasti o piccole riparazioni da effettuare un volta rientrati.” (Andrea)

“A fine giornata poi, fare un resoconto di proprio pugno mentre ci si riposa nel pozzetto ormeggiati in porto è ancora qualcosa di impagabile, così come sfogliare i commenti delle persone che ci hanno voluto lasciare un loro ricordo scritto della giornata sulle pagine del taccuino.” (Carlo)

Zemini Sailing Boat Visita il sito: www.zeminisailing.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *